Ultime recensioni

giovedì 14 aprile 2016

Prometto di sposarti ogni giorno di Pedro Chagas Freitas Recensione

Buongiorno cari lettori! Grazie alla Garzanti, ho letto Prometto di sposarti ogni giorno, di Pedro Chagas Freitas. Avevo già apprezzato Prometto di sbagliare di cui potete leggere la recensione qui. Questo secondo romanzo, in cui l’amore diventa sostegno, simbolo, mistero dell’esistenza e anche la sua più grande certezza, mi ha totalmente conquistato.Questo autore ha uno stile molto particolare e personale e ha la capacità di raccogliere in poche parole e piccole frasi il senso di una vita.



Titolo: Prometto di sposarti ogni giorno
Autore: Pedro Chagas Freitas
Editore: Garzanti
Pagine: 239
Genere: Romanzo
Prezzo: 16,40
Uscita: 2016

TRAMA


Il treno sfreccia silenzioso in una mattinata grigia. Pedro sta guardando le nuvole che lentamente si aprono, quando all'improvviso un raggio di sole entra dal finestrino e illumina la ragazza seduta di fronte a lui. Barbara ha gli occhi grandi, un viso da bambina e un sorriso puro. I due si innamorano a prima vista. E decidono che ogni giorno insieme deve essere come la prima volta. Sono separati da centinaia di chilometri e centinaia di difficoltà, ma non rinunciano. Per questo faranno in modo di incontrarsi sempre in un luogo diverso. Per riscoprire tutte le volte la meraviglia e dimenticare la distanza. Per toccare insieme la sabbia rovente di una spiaggia affollata e l'erba fresca bagnata di rugiada di una collina in primavera. Per stupirsi di fronte alla gioia della normalità nel primo caffè del mattino, dell'ennesimo bacio reclamato da una briciola di biscotto. Finché un giorno prendono una decisione. Quella di scegliersi ogni giorno, ogni minuto, ogni secondo. Come un lunghissimo sorriso che si rinnova a ogni risveglio. Perché l'amore è fatto di attese e di lunghi abbracci, di scherzi e lacrime, di fragilità e protezione. E il più bello dei viaggi, e la destinazione è la vita.

dff

Prometto di sposarti ogni giorno è un romanzo poetico e trasgressivo esattamente come il primo, un racconto lungo e pieno di battiti che l’autore dedica alla donna che ama, di nome Barbara. 
Infatti Pedroalterego dello scrittore è colui che narra con le proprie esaltanti parole la conoscenza e l’innamoramento di questa donna che gli è entrata dentro per non uscirne mai più. 
Ho letto anche Prometto di sbagliare, nel quale forse, a detta di alcuni, c’era un po’ di confusione nella capacità di seguire una storia che si muoveva attraverso una serie di citazioni e di frasi sicuramente fondamentali e belle quanto può essere il cielo terso in una giornata primaverile, risultando però inaccessibile. 
Lo stile di Chargas è particolare, intenso e pieno di determinazioni dettate dalla sua scrittura che sono uniche e dunque introvabili altrove, oltre i suoi stessi libri. 
Un autore capace di raccontarti di amore, di morte, di vita, di passione e di tutto ciò che concerne la parte più vitale ed essenziale dell’esistenza con un tono impetuoso, a tratti feroce, carico di meraviglia e di potenza.
La tua pelle è il piacere prima della vita. Ho ancora tanto da toccarti e un’esistenza sola. 
Un autore dalla penna magica e dal cuore pieno di gioia, che usa l’amore per raccontarti del mistero dell’esistenza, usa l’innamoramento per raggiungere quelle risposte che ci portiamo dietro da una vita, usa l’attrazione, la carne e lo spirito per toccare le corde più intime di chi legge. 
Anche qui, come nel romanzo precedente, è impossibile seguire un filo logico nella narrazione. Ancora una volta ci troviamo in mezzo al mare, su una piccola barca che lo stesso scrittore ha costruito per noi e che a volte ci fa sentire persi ma anche perdutamente ritrovati. Ci tiene sempre per mano, con lui è come affrontare ogni volta un nuovo viaggio, attraversare le acque più splendenti ma anche più profonde, a tratti oscure, dell’immenso oceano di sentimenti e di emozioni che ci abbiamo dentro.
Finchè ci saranno le tue mani ad asciugarle, nessuna lacrima sarà una perdita di tempo. 
Perchè di questo si tratta. Chargas è un affabulatore di emozioni, di crateri che pulsano lave di sensazioni, la sua è la lingua universale della melodia dell’amore, che non è solo un sentimento ma è la follia della vita. 
Il suo stile è inimitabile. Le sue parole abbracciano tempi e luoghi diversi, scavano nella memoria e vengono a prenderti ovunque sei per strapparti ogni piccolo brandello di sentimento che puoi condividere tra quelle pagine. 
E’ impossibile non ritrovarsi nei suoi racconti come è impossibile non provare brividi davanti alle sue frasi che parlano di pelle, di carne, di passione, di consapevolezza che ciò che ami diventa inevitabilmente tutto, se lo ami per davvero. 
L’autore non si risparmia, Chargas non si risparmia mai. 
Ci parla di felicità e si chiede – Ti vedono tra le mia braccia e chiedono se sono felice. Come possono chiederlo? Saranno stupidi o soltanto ciechi?- 
La sua felicità è l’esistenza stessa di colei che ama, è in lei e non altrove che il mondo finisce e amare diventa come una spiaggia da consumare. 
Sorrisi, risate, lacrime, distanze e promesse, Chargas ama le promesse, ama promettere l’impossibile e il possibile, e questa volta sceglie di promettere l’amore ogni santo giorno. 
Ma l’amore è un miracolo? Quanto dura e come?
Gli eroi non sono quelli che vincono più battaglie, ma quelli che vincono le battaglie migliori, o quelli che perdono al momento giusto. Come quando mi perdo nel tuo corpo, sai? Una sconfitta completa, per una sconfitta così darei la vita. 
Lui non ha incertezze, per lui l’amore è sposare la sua donna ogni giorno, per un sempre che diventa eterno, nonostante la nostra esistenza, si sa, sia una sola. 
Non ci sono solo sentimenti che allietano e che festeggiano in modo indiscriminato e solenne l’ode alla dea Venere di Chargas, ci sono anche paure e terrori in continua ricerca di certezze. Ci sono errori, passi falsi, bugie e allontanamenti, ci sono pensieri che vagano irrisolti nella mente di chi scrive e di chi legge. Non è solo l’autore a parlare ma anche la sua amata, che a metà libro racconta di se stessa e di quel sentimento che tanto la lega allo scrittore. Le sue parole sono veraci, profonde, talmente reali da fare male. Sono piene di fragilità, di una poesia con i lividi perché toccata malamente dalla vita. Ma quella poesia c’è perché c’è purezza incontaminata nella leggiadria e nella rabbia di un amore che non cambia come una bandiera al vento, è qualcosa di stabile, incastrato tra le radici della terra e impossibile da estirpare. 

Prometto di sposarti di ogni giorno è un romanzo toccante e reale. Ho apprezzato il precedente e ancora di più questa seconda prova letteraria che sembra essere anche più accessibile a tutti coloro che avevano trovato il primo eccessivamente confusionario. 
Ma non è solo per questo. In questo racconto d’amore si riflette la forza di una vita, la certezza di vivere per un motivo, uno soltanto, che coincide con la vita stessa e la vita è ciò che ti fa battere il cuore. Mi ha raggiunto una maggiore maturazione dell’autore, una scrittura solida, vicina, complementare alla mia esistenza come una luce appena pronunciata che sfiora una camera oscura e mette in risalto tutti i dettagli e i particolari che spesso ci sfuggono ma che qui ci appaiono in tutta la loro bellezza. 
Pedro Chagas Freitas sa narrare di bellezza e di comunione, di armonia e di sottigliezza. Il suo stile è anche molto carnale, fa parlare il sangue della mente e del cuore. Fa parlare le viscere, la pancia, il piacere e il dolore.
Scrivo per cancellare il fango. L’utilità della poesia è la bellezza che c’è nell’amarti. 
Bellezza… Questo romanzo è bello, molto. E le cose belle, come dice lui, devono sanguinare, altrimenti non contano. Questo libro sanguina e mai è stato così dolce avvertire il sapore del sangue.


9 commenti:

  1. Vorrei leggere questo libro, la tua recensione mi è piaciuta molto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Greta, spero tu possa farlo presto!

      Elimina
    2. A me non piace sono pentita di averlo comprato è illusorio ... viene presentato come un romanzo penso a una storia d amore - Invece ritrovo immagini descritte di vari momenti scollegati tra loro ... quello che passava nella mente da scrivere . Mi dispiace ma non ho questa pazienza io cercavo qualcosa che sappia coinvolgere

      Elimina
  2. Ho letto il primo libro di Chagas Freitas. Leggerò anche questo. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai letto il primo, non puoi proprio perderti questo! ^^

      Elimina
  3. Bella recensione...da leggere, non lo conoscevo.

    RispondiElimina
  4. Mi piace tanto la citazione del sangue.
    Mi piacerebbe però sapere quale uomo al mondo, nella realtà, sia sul serio in grado di amare una donna così... per sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh... non lo so, cara Federica. Certo è che ci sono i libri, le parole che ci aiutano a sognare e ad andare oltre qualsiasi limitata realtà. Ringrazio sempre che ci sono i libri per tanti motivi e so che la pensi come me. :-)))

      Elimina