Ultime recensioni

venerdì 4 novembre 2016

Dreamology di Lucy Keating Recensione

Buon venerdì cari lettori. Oggi vi parlo di un romanzo che mi ha subito affascinato ed incuriosito avendo come tema principale il mondo dei sogni. Dreamology di Lucy Keating, di cui ringrazio Newton Compton per la copia, è un romanzo sicuramente originale e di piacevole lettura ma se vi aspettate qualcosa di eclatante, io non l'ho trovato.


dreamology
di Lucy Keating

Editore: Newton Compton 
Pagine: 288
GENERE: Romanzo Young Adult
Prezzo: 9, 90  - 2, 99 
Formato: Cartaceo - eBook 
Data d'uscita: Ottobre 2016
Link d'acquisto: Qui.

Trama: 
Per quanto Alice può riuscire a ricordare, Max è sempre stato parte integrante dei suoi sogni. Insieme hanno girato il mondo, vissuto esperienze straordinarie e si sono innamorati alla follia. Max è il ragazzo perfetto… Peccato che non sia reale. Perché Max non esiste. O almeno, così ha sempre pensato Alice. Fin quando entra nella sua nuova classe, il primo giorno di scuola, e… non riesce a credere ai suoi occhi: il suo Max è lì, davanti a lei, in carne e ossa. Ben presto però dovrà fare i conti col fatto che il Max reale è molto diverso dal Max dei sogni. Il Max reale è testardo e problematico, ha una vita complicata e intensa, di cui Alice non fa parte, nonché una ragazza, Celeste. Anche il loro incontro e il loro rapporto non sono così perfetti come lei aveva sperato. Quando si è vissuto un amore da sogno, ci si potrà mai accontentare della realtà? E se il ragazzo dei tuoi sogni esistesse davvero?


RECENSIONE

Dreamology è un romanzo che come primo aggettivo, definirei originale. Per chi non lo sapesse, io sono una patita dei sogni. Quando ero piccola, fino all’età adolescenziale, ero sonnambula, ciò significa che sognavo ad occhi aperti e che era molto pericoloso svegliarmi. Il più delle volte tremavo e ci voleva molto tempo prima che tornassi alla realtà, nonostante, apparentemente, gli occhi aperti facessero credere che ero sveglia.
Partendo proprio da questo aspetto che mi caratterizza, la storia di questo romanzo subito mi ha affascinato, proprio perché incentrata suoi sogni.
L’universo narrativo creato dall’autrice prevede due protagonisti, Alice e Max, molto diversi tra loro. Quando si incontrano per la prima volta, durante il primo giorno di scuola, Alice riconosce il ragazzo che per anni ha popolato i suoi sogni, ma lui non sa assolutamente lei chi sia. Anzi, è fidanzato con una certa Celeste e apparentemente non vuole avere nulla a che fare con Alice.
La ragazza rimane completamente sconvolta da questo incontro perché fino a quel momento era convinta che Max esistesse solo nei suoi sogni e che non lo avrebbe mai incontrato nella realtà.
Ebbene, presto si renderà conto di quanto possa essere imprevedibile la vita e quante possibilità essa offre a coloro che la vivono.
Sono costretta a fare i conti con il fatto che Max Wolfe esiste. E sfortunatamente non esiste nessun altro per me.
Di solito si pensa che non ci sia nulla di meglio di un sogno. Che il sogno sia il massimo per l’aspirazione di un individuo, perché ovviamente nel sogno, essendo tuo, ci metti quello che vuoi e stai con chi vuoi. Questo era quello che pensava Alice quando ogni notte incontrava il suo Max e viveva le esperienze più disparate come se stessero insieme da tempo immemore.
Una bella botta per lei scoprire che Max esiste anche fuori dal suo sogno ed è proprio lui, non ci sono dubbi. Il problema però è che il ragazzo è pieno di problemi e la sua vita è molto complicata, quindi rapportarsi a lui e cercare nel loro legame tutto quello che Alice ha sempre vissuto nei suoi sogni, appare sempre più difficile, se non impossibile.
Lo stile dell’autrice è semplice, nulla di eclatante. Una scrittura fluida ma che non fa certamente scintille. Il fiore all’occhiello del romanzo resta senza dubbio la trama molto originale, il fascino che scaturisce dal sogno che ha il suo effetto su chiunque e l’introspezione psicologica dei personaggi portata avanti sino in fondo.
I nostri sogni sono l’unica cosa che condividiamo e che nessuno può toccarci.
Infatti né Max e né Alice sono due protagonisti semplici. Hanno alle spalle una vita non facile. Lei abbandonata dalla madre e vittima di un costante senso di malinconia e di dolore proprio per quella perdita che non riesce a superare mentre lui è costretto ad incarnare il ragazzo modello, il perfettino davanti alla famiglia che va bene a scuola e che non va mai contro le regole.
Insomma Alice e Max sono due personaggi che apparentemente sono agli antipodi però la loro condizione esistenziale non propriamente felice, li avvicina molto più di qualunque sogno.

Dreamology è certamente una lettura Young Adult, con protagonisti giovani che affrontano una dimensione non priva di difficoltà e di riflessioni. Non mancano spunti divertenti e un pizzico di ironia che classificano questa storia non come pesante ma piacevole da affrontare. 
E’ un romanzo che parte da una base chiaramente fantastica perché la storia di Max e Alice è avvolta dal sogno e dal mistero, per suggerire riflessioni che abbracciano la realtà e la vita quotidiana. Il senso del messaggio potrebbe essere che per quanto un sogno possa apparire perfetto ed inarrivabile, la realtà e soprattutto la vita che ci è stata donata, è sicuramente migliore. Migliore perché è aperta ad infinite possibilità, migliore perché è sorprendente, inaspettata, emozionante, ma soprattutto è vera. Una delle poche cose vere che ci sono rimaste in un mondo di totale falsità.


10 commenti:

  1. Ciao Antonietta:) Il libro l'ho adocchiato da un po' e la tua recensione riconferma i miei pensieri: un libro che si legge volentieri ma che non è indimenticabile. Tutto bene, ci vogliono anche i libri così! Credo che lo leggerò, magari aspettando un'offerta della Newton:)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Virginia, esatto, hai capito alla perfezione il romanzo, anche solo leggendo la recensione! <3 Certamente nonostante non sia proprio indimenticabile, almeno per me, ovviamente, lo consiglio, perchè l'originalità e la trama basta suoi sogni, per come la vedo io, meritano tanto.
      Leggerò con piacere cosa ne pensi.
      Un abbraccio! :*

      Elimina
  2. Ciao! Complimenti per la recensione bella e dettagliata.
    A forza di leggere recensioni positive su questo libro, mi sono convinta! Stasera corro a compralo, muoio dalla voglia di leggerlo! Uno dei limiti dei romance è l'originalità e questo sembra distinguersi proprio per questo. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alysia, grazie mille! <3
      Sicuramente l'originalità non è da mettere in dubbio. L'autrice ha avuto una bellissima idea e proprio per questo la storia vale comunque una lettura! ^__^

      Elimina
  3. Sai bene che io ho adorato questo libro. Sarà che io non ho problemi con gli YA quindi in questo caso la mancanza di dettagli mi ha dato fastidio solo alla fine. Decisamente un libro da tenere in lireria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono perfettamente d'accordo con te, nonostante qualche piccola crepa, per me resta un libro da leggere! ^___^

      Elimina
  4. Ciao Antonietta :-* Dopo tante recensione quasi totalmente negative, finalmente leggo la tua che è obiettiva e mi conferma che questa storia non è affatto superficiale e frettolosa, come ho letto in giro..Ecco perché ti adoro, sei sempre sincera in modo oggettivo e ogni volta che ho letto un libro dopo una tua recensione, ho sempre dato conferma alle tue parole :)
    Comunque Dreamology mi ha sempre ispirato e voglio leggerlo!
    Un abbraccio grande :-**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria, grazie mille! <3
      Sei davvero gentile e dolcissima. Sai che la pensiamo allo stesso modo, perchè anche io amo il tuo modo di recensire perchè coglie il nocciolo di ogni storia sia negli aspetti negativi che positivi, fornendoti subito ciò di cui hai bisogno. ^__^
      Grazie! :****
      Un abbraccio forte!

      Elimina
  5. Buon sabato dolce Antonietta ❤️ Come sai ho amato il libro perché mi ha portata in un sogno, un sogno ad occhi aperti che ha migliorato le mie giornate ❤️ Hai letto la mia recensione e sai bene che è stata positiva pur comunque vedendo che il romanzo di pecche ne ha, è uno young che non si discosta dal genere per cui è scritto ma l'ho vissuto come un sogno ad occhi aperti e mi ha convinta e coinvolta, senza Dreamology la mia libreria sarebbe più povera decisamente! Sono felicissima di sapere che lo hai apprezzato tanto anche tu e ti ringrazio per aver condiviso una parte così personale raccontandoci del tuo rapporto con i sogni ❤️ Ha reso ancora più preziosa questa bellissima recensione ❤️ Un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao dolce Ely, anche a me ha fatto lo stesso effetto! Anche per me, che ho un rapporto particolare con i sogni, è stato come sognare ad occhi aperti e vedere veramente realizzato davanti ai propri occhi il desiderio di sempre. Questo è stato davvero emozionante. Credo che l'originalità e l'intensità di questo aspetto siano sicuramente da premiare, ed è davvero un libro da avere con sè. <3
      Un abbraccio dolcissimo, gemellina, grazie! .****

      Elimina