Ultime recensioni

mercoledì 5 aprile 2017

Disconnect1 di Ilaria Soragni Recensione

Buon mercoledì lettori! Grazie al gentile omaggio della Leggereditore vi parlo del secondo romanzo che leggo di Ilaria Soragni, intitolato Disconnect1, una storia che conferma la scorrevolezza della sua scrittura e il suo stile!

disconnect 1
di Ilaria Soragni

Editore: Leggereditore
Pagine: 230 
GENERE: Young Adult
Prezzo: 14,90 € - 4,99 
Formato: Cartaceo - eBook
Data d'uscita: Febbraio 2017
Link d'acquisto: QUI

Trama:
Hayley frequenta il secondo anno dell’high school a Baltimora, è una ragazza chiusa e non si è mai ambientata del tutto. Luke ha diciotto anni; alto, biondo e sprezzante, si abbatte come un fulmine su ciò che lo attira. Quando per caso nota Hayley ne rimane affascinato, tanto da decidere di conquistarla: la vita è una gara e lei sarà il suo premio. È Luke a guidare il gioco, seguendo Hayley e facendole credere che si tratti ogni volta di incontri casuali, fino a quando non raggiunge il suo obiettivo. Hayley è irrimediabilmente attratta, anche se qualcosa le dice che sarebbe meglio stare lontano da quel ragazzo. Ma il piacere della trasgressione è forte, fare la cosa sbagliata la fa sentire viva. Non sa ancora, però, che è solo l’inizio. Luke si nutre di adrenalina, di emozioni forti, e vuole Hayley al suo fianco in una sfida pericolosa, una gara di moto illegale di cui è nota solo un’enigmatica regola: tutti vincono e uno solo perde, tutti perdono e uno solo vince. Fin dove si spingerà il loro legame? Saranno disposti a metterlo a rischio ora che, giorno dopo giorno, sta diventando sempre più forte?

RECENSIONE

Disconnect1 è il secondo romanzo che leggo di Ilaria Soragni, nato su Wattpad come il precedente Mess, che avevo letto con piacere e che mi aveva certamente colpito per la storia e per lo stile.
Una ragazza giovane che non teme confronti e che si presenta alla corte dei lettori con le proprie idee e i propri personaggi che sono sempre ben definiti e particolari. 

Hayley è una ragazza semplice e timida, una di quelle che non amano mostrarsi, che vorrebbero essere invisibili e passare inosservate.
Luke, invece, è il suo esatto contrario. Un ragazzo forte, dinamico, eccessivo, strafottente, totalmente disconnesso dalla realtà, nel senso che sembra essere incapace di gestire empaticamente le relazioni, freddo e lontano da qualsiasi tipo di socialità intesa in senso affettivo e collaborativo.

Quello che vuole dalla vita è soltanto una cosa: vincere, sempre.
Non appena mette gli occhi su Hayley, la partita si è subito conclusa. Non ci sono scuse che tengano. Vuole conquistarla perché vuole che lei diventi il premio di una gara pericolosissima che lui e il suo amico Caleb non vedono l’ora di affrontare.

«Lui era metallo puro, freddo sia d’inverno che d’estate.»

Che tipo di gara? Una gara di moto, naturalmente, nel classico impeto di spregiudicatezza e di affronto del pericolo perfettamente rispondente a questo tipo di ragazzi che sembrano fregarsene di tutto e andare diritti per la loro strada.
Hayley tenta in tutti i modi di tenere lontano Luke. Sa bene che non è il ragazzo per lei e che è doveroso stargli alla larga perché è quel tipo di persona che ama il rischio e che può portare solo guai per se stesso e per gli altri.

Luke, dal canto suo, s’impunta come non mai e quello che all’inizio sembrava essere soltanto un gioco per lui, un puro divertimento, un dolce passatempo, diventa una vera e propria conquista che porta con sé emozioni più profonde e ben radicate dentro di lui.

Lo stile dell’autrice è scorrevole, una trama certamente accattivante ed originale.
I personaggi sono delineati in modo fresco e movimentato, non solo i due protagonisti ma anche le figure che li circondano e che sanno come attirare l’attenzione.
Il ritmo della lettura è costante, l’intrigo un elemento che non manca e anche le sorprese che rendono il romanzo accattivante.

«E quando la vidi allontanarsi, fu come se una parte del mio corpo si fosse staccata da me, lasciandomi senza respiro.»

Ilaria Soragni mostra ancora una volta la sua capacità narrativa e quella di costruire una storia a sé, ben regolata e sicuramente piacevole da leggere. Complice, ovviamente, un’ambientazione scolastica che attira le lettrici più giovani e una contrapposizione tra l’ingenua e il farabutto che conquista sempre al giorno d’oggi.
Inutile raccontarci bugie, il bad boy è ormai sempre dietro l’angolo e questo clichè, questa moda del momento, non è ancora tramontata e dunque è giusto approfittarne.

La Soragni lo fa mettendoci del suo, scavalcando il contesto delle banalità e raccontando di un personaggio, quale Luke, che fa parte di un gioco molto particolare e che assume atteggiamenti distruttivi celando i veri motivi soltanto dentro se stesso.

«Ricordo la prima volta che mi hai visto. Mi hai guardato come se avessi avuto davanti un criminale, ma la vera criminale sei tu, Hayley. Tu mi hai rubato tutto, lasciandomi con niente. E ti odio, e ti amo.»

Hayley, da brava e pura fanciulla, crescerà entrando in contatto con un mondo dove bisogna giocare, perdere e vincere. All’inizio il suo carattere è piuttosto remissivo, le sue sono vere e proprie accettazioni delle volontà di Luke, ma in un secondo momento, volente o nolente, dovrà mettere fuori il suo carattere e la sua vera personalità, dimostrando di avere anche lei forza e sicurezza.

Disconnect1 è una lettura che ti regala ore piacevoli, che ti allontana dalla realtà, facendoti riflettere sui temi che affronta e sulle domande che ti pone, anche senza darti necessariamente una risposta.

Un romanzo che non impegna, ma che richiede attenzione nella misura in cui riesce a coinvolgere, senza esagerare, senza turbare, semplicemente come una lettura che oltre al gioco, all’intesa, al perdere e al vincere, lascia intravedere dolcezze ed un pizzico di romanticismo, che non guasta mai!


2 commenti:

  1. Ciao:) Ti dirò, la trama mi ha fatto venire in mente un sacco Tre metri sopra al cielo (saranno state le moto, chi lo sa...), che a suo tempo mi era piaciuto poco, quindi l'impressione iniziale non è stata delle migliorixD
    Non ho mai letto nulla di suo, chissà che un giorno non capiti:) Sicuramente tu ne hai data una descrizione dettagliata e sembra una buona lettura per momenti più di leggerezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Virginia! Io ho letto il romanzo precedente, Mess e mi è piaciuto molto, ha un'ambientazione particolare e una strana tensione per tutta la storia che mi colpì molto considerando l'età giovane della scrittrice. Ecco, se devo fare un paragone, preferisco Mess a questo, quindi se vuoi leggere qualcosa di suo, ti consiglio di iniziare dall'altro. :-)
      Un abbraccio :*

      Elimina