Ultime recensioni

martedì 16 gennaio 2018

✎ Recensione in anteprima ➱ Il sole è anche una stella di Nicola Yoon

Buon martedì cari lettori! Grazie ad uno splendido omaggio in anteprima della Sperling&Kupfer vi parlo del nuovo romanzo di Nicola Yoon. Il sole è anche una stella è una storia romantica ma non sdolcinata, capace di commuovere. 
il sole è anche una stella
di Nicola Yoon

Editore: Sprling&Kupfer
Pagine: 348
GENERE: Romanzo
Prezzo: 18,90 
Formato: Cartaceo
Data d'uscita: 16 Gennaio 2018
Link d'acquisto:  ➜ QUI

Trama:
Natasha non crede né al caso né al destino. E neppure ai sogni: non si avverano mai. Sua madre dice che le cose succedono per una ragione. Ma Natasha è diversa. Crede piuttosto nella scienza e nella relazione causa-effetto. Ogni azione conduce necessariamente a un'altra e così via. Sono le azioni di ognuno a determinare il destino. Per intenderci, non è il tipo di ragazza che incontra un ragazzo carino in un polveroso negozio di dischi a New York e s'innamora di lui. Eppure è quel che accade, proprio a dodici ore dall'essere rimpatriata in Giamaica insieme alla sua famiglia. Lui si chiama Daniel. È il figlio perfetto, studente modello e sempre all'altezza delle molte aspettative dei genitori. Quando è con Natasha, però, tutto è diverso. Qualcosa in lei gli suggerisce che il destino abbia in serbo un che di speciale - per entrambi. Ed è come se ogni momento della loro vita li avesse preparati solo per vivere questo meraviglioso, singolo istante.

RECENSIONE

Il sole è anche una stella è il secondo romanzo di Nicola Yoon che leggo, inviatomi in anteprima dalla CE. Una storia scritta da due punti di vista principali, quello di Natasha e di Daniel a cui si aggiungono anche punti di vista alternativi come quelli dei personaggi che di tanto in tanto o casualmente appaiono sulla loro strada e ad essi in qualche modo sono relazionati.

Natasha è una giovane afroamericana che insieme alla sua famiglia sta per essere sbattuta fuori dall’America, in quanto sono tutti immigrati irregolari, indi la conosciamo in un momento davvero difficile, poiché non vuole andar via e non vuole lasciare tutte le sue amicizie e le sue abitudini per tornare in Giamaica, il paese natio di cui ricorda davvero poco.

Dall’altro lato c’è Daniel, ragazzo diciassettenne coreano che vive in una famiglia molto particolare con un fratello di nome Charlie che non fa altro che prenderlo in giro e considerarlo meno di zero. I due litigano in continuazione senza mai trovare un punto d’incontro. 

Noi esseri umani non siamo creature ragionevoli. Invece della logica a governarci sono le emozioni.

Natasha e Daniel s’incontrano casualmente e due mondi completamente diversi si scontrano. Lei è affascinata dalla scienza, dalla chimica e crede che tutto possa essere ricondotto ad una spiegazione logica, persino l’amore, anzi soprattutto l’amore. Daniel invece, è romantico, gentile, profondo ed è soprattutto un poeta. Quindi, ditemi voi, quanto possono essere diversi e lontani questi due ragazzi?
Sia per origine, lingua, colore della pelle ma soprattutto per l’atteggiamento mentale, i due protagonisti sono in netto contrasto ed infatti, i loro primi discorsi sono caratterizzati soltanto da battute al vetriolo e convincimenti vari per cercare un punto d’incontro che non avviene perché nessuno dei due vuole cedere.
Ma oltre alla mente, cosa c’è? Il cuore, cari lettori. 

IL CUORE
IL CUORE
IL CUORE

Ecco perché nonostante la chimica, nonostante la scienza, nonostante ogni singola legge dell’universo, Daniel mostra a Natasha che esiste qualcosa che nessuno può spiegare ed è l’attrazione fisica tra due corpi che poi porta all’innamoramento.

Forse innamorarsi di qualcuno significa anche innamorarsi di se stessi.

Daniel è un ragazzo d’oro. Impossibile non notare il suo carattere pulito, la sua voglia di sognare e il suo romanticismo. Non ha paura di ammettere di essere profondamente attratto da Natasha e che facilmente potrebbe innamorarsi di lei. La ragazza, d’altro canto, deve lasciare il paese ma non vuole dirglielo, anche perché è convinta che in ogni caso tra loro non potrebbe mai funzionare: sono troppo diversi.
Beh… ora dopo ora dovrà ricredersi perché in poco tempo, Daniel le dimostrerà che si sbaglia terribilmente.

La storia scritta dall’autrice è molto romantica ma anche profondamente umana. Ci troviamo di fronte all’immigrazione, ai problemi politici e a quelli morali. Ci sono due culture a confronto e tanti atteggiamenti mentali che mettono in luce quante sono le differenze che ci allontanano gli uni dagli altri.

Lo stile è semplice ma anche poetico, vivido, pulsante. Mentre leggi ti senti lentamente rapito dalla storia di questi due giovani che più di una volta mi hanno fatto tenerezza. È inevitabilmente dolce la loro storia, ma anche triste ed umana fino al midollo.

Lo bacio per zittirlo. Se continua a parlare lo amerò, e io non voglio amarlo. Come strategia non è delle migliori. Baciarsi è un altro modo per parlarsi, solo senza parole.

Una storia reale, che vive di cose reali, di riflessioni sensate e di scene della vita quotidiana.
I genitori che decidono il futuro dei figli, i figli che non vogliono ma che non hanno il coraggio di ribellarsi. Cose che tutti conosciamo bene e che in questo romanzo fungono da contorno perfetto ad una storia d’amore che non è quella classica a cui siamo abituati.

Camminiamo per le strade insieme a Natasha e a Daniel e cresciamo insieme a loro. Li conosciamo e non riusciamo più a staccarcene. Sono teneri, umani, a volte arrabbiati, fragili, probabilmente nemmeno pronti per quel destino che ha deciso di farli incontrare, ma certamente coraggiosi nel loro piccolo mondo che li vede dei giganti capaci di vivere quelle emozioni fino in fondo.

Ciò che l’autrice racconta è un amore pulito, scevro da ogni cattiveria, corruzione, sporcizia. È un amore nato puro, genuino, figlio della speranza che non sempre tutto debba andare come è stato scritto.

Il sole è anche una stella è coraggio e determinazione. Natasha è dolce e forte, fragile e determinata, commovente e scaltra. Il suo cuore è il nostro cuore e la paura di innamorarsi combacia con la nostra paura di soffrire. Ma è impossibile non cedere a qualche lacrima quando, nonostante il tempo, la lontananza e le tante diversità, il destino unisce ciò che la vita divide. Perché ci sono cose che possono essere riscritte. Basta crederci.

5 commenti:

  1. Non ho ancora letto nulla di questa autrice, ma le sue storie mi ispirano molto :)

    RispondiElimina
  2. Ecco, appunto.
    A conferma di quello che ho appena detto su Facebook riguardo al tuo romanzo, Antonietta... Sei davvero incredibile. <3 Ovviamente, dopo la tua recensione, come non leggere anche questo libro? Insieme al primo. :*******

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Federica, grazie! <3 Sono veramente sicura che ti piacerebbe, ci metto la mano sul fuoco! È una storia molto dolce, e tu sei dolcissima, quindi sono certa che ci andresti a nozze! :****

      Elimina
  3. Devo dire che ero un po' riluttante nel leggerlo ma grazie alle tue belle parole mi hai convinta a farlo ^_^

    RispondiElimina